BUN Biblioteca Universitaria di Napoli

Fontana degli Obelischi


Fontana degli Obelischi oggiLe Fontane Obelischi furono costruite nel 1788 in Piazza Mercato da Francesco Securo, a cui erano stati affidati da Ferdinando IV i lavori di restauro e abbellimento di quest’ultima, appena danneggiata da un incendio. Così, furono costruite due fontane, sia a scopo ornamentale sia per fornire l’acqua necessaria alle attività del mercato e ad abbeverare gli animali. Le fontane, che suggeriscono una chiara ispirazione all'arte egizia, mescolata a divers elementi della cultura classica, furono poste una sul lato est e un’altra sul lato ovest.

Entrambe a forma di obelisco piramidale, decorato da teste di leone, fiori e festoni, appoggiato su un basamento in piperno dove si trova la fontana e da cui partono i sostegni per le quattro sfingi ornamentali che fanno da cornice ai getti d’acqua. Come per la scultura antica del “Corpo di Napoli”, anche in questo caso ci troviamo di fronte a elementi scultorei più volte rimaneggiati nel corso del tempo.

Nel 2001 fu avviato il restauro di entrambe le fontane: si procedette a riattivare l’impianto idrico, a ripulire gli obelischi e a munire di nuove teste le otto piccole sfingi decapitate. Seppur in posizione leggermente decentrata rispetto ai maggiori flussi turistici delle altre piazze napoletane, piazza Mercato è da considerarsi tra le più importanti della città per valore storico e artistico grazie alla presenza di diversi edifici di culto monumentali quali la chiesa di Sant’Eligio Maggiore, d’epoca angioina, e la basilica di Santa Maria del Carmine Maggiore.

Fontana degli Obelischi oggiFontana degli Obelischi nell'Ottocento (Caprile)Fontana degli Obelischi nel Novecento